Archivi categoria: Pagelle

Pagelle: Arsenal v Wigan 4-1

Wojciech Szczesny 6.5: ad inizio ripresa compie il miracolo, su Kone, una parata che ha inevitabilmente cambiato la partita.

Bacary Sagna 6.0: nella sua peggiore stagione all’Arsenal, causa infortunio, chiude l’ultima in casa senza acuti, anche se nella prima frazione s’è sovrapposto con continuità.

Per Mertesacker 6.0: gestisce a dovere ogni intervento, e con il supporto di Arteta soffre il giusto le incursioni delle mezze punte avversarie.

Laurent Koscielny 7.5: altra prova di grande spessore, con interventi sempre precisi e mai banali. L’acrobazia su Kone vale il prezzo del biglietto.

Kieran Gibbs 6.5: alla fine recupera, scende in campo e dimostra di essere in prospettiva il miglior terzino sinistro d’Inghilterra.

Aaron Ramsey 7.5: segna finalmente il suo primo goal stagionale in campionato, e che goal. Mi auguro con tutto il cuore che questo ragazzo gallese possa regalarci tanto, molto, il prossimo anno.

Tomas Rosicky 7.5: voglio controllargli la carta d’identità. Corre come un ragazzino dell’Academy, tocca il pallone come pochi. Esce dal campo sommerso di applausi.

Mikel Arteta 6.5: gioca il match più oscuro dell’anno, posizionandosi davanti ai due centrali offrendo quel filtro che alla fine ha limitato l’attacco dei Latics.

Santi Cazorla 9.0: meravigliosamente Cazorla. Sforna quattro assist ed un match condito di classe, grinta, voglia, il piacere di indossare questa maglia.

Theo Walcott 8.0: segna il goal che significa vittoria, che sposta nuovamente gli equilibri, che ci fa credere di essere migliori del Wigan, Ventunesimo centro stagionale.

Lukas Podolski 7.5: una doppietta per dire ancora una volta che lui c’è, anche se quel ruolo non è propriamente il suo.

Jack Wilshere s.v

Alex Oxlade-Chamberlain s.v

Thomas Vermaelen s.v

Arsène Wenger s.v: ci vediamo a Newcastle, grazie Arsène.

Pagelle: Fulham v Arsenal

Wojciech Szczesny 6.5: giornata tutto sommato tranqilla, anche se nel finale qualche preoccupazione gli viene creata.

Bacary Sagna 6.0: altro match in cui ha saputo mettere tutta la sua esperienza.

Laurent Koscielny 7.0: è suo l’assist che risulta decisivo al termine dell’incontro..

Per Mertesacker 7.5: regala con un colpo di testa a pochi minuti dalla fine del primo tempo i tre punti.

Nacho Monreal 6.0: sempre più convinto che questo ragazzo possa dare nettamente di più.

Aaron Ramsey 6.5: un filino meno concreto rispetto all’ultimo periodo, ma pur sempre combattivo e dentro al match.

Tomas Rosicky 6.0: con lui in campo speravo in maggiore qualità, cosa che alla fine è mancata.

Mikel Arteta 6.5: partita di grande sacrificio, come sempre.

Santi Cazorla 6.5: paradossalmente ho trovato la sua partita tra le migliori dell’ultimo periodo.

Theo Walcott 6.5: che gli manca brillantezza l’avevamo sottolineato e oggi, ancora una volta, s’è visto. Mette però nel mezzo il pallone decisivo.

Olivier Giroud 6.0: l’espulsione è inventata, lui nei novanta minuti fa troppo poco, soprattutto nel momento in ci si rimane in vantaggio numerico.

Lukas Podolski s.v

Jack Wilshere s.v

Tomas Vermaelen s.v

Arsène Wenger 7.0: stavolta gli appunto il non aver cercato di chiudere prima il match con diverse sostituzioni, i tre punti sono comunque in bacheca.

Pagelle: Arsenal v Everton 0-0

Wojciech Szczesny 6.5: con Fabiansky out tocca a lui prendere posto tra i pali, e con sicurezza porta a termine la serata.

Bacary Sagna 6.5: nella prima frazione tende a non incidere, nella ripresa cresce a dismisura, facendo sua la fascia destra.

Laurent Koscielny 7.5: non ho più aggettivi per le prove di questo ragazzo francese, e anche stasera cancella dal campo i suoi avversari.

Per Mertesacker 6.5: riprende il suo posto in campo disputando un’ottima gara, nettamente migliore alle sue ultime uscite.

Kieran Gibbs 6.5: discorso praticamente simile a quello fatto per Bacary, esce nel finale probabilmente per manifesta stanchezza.

Nacho Monreal s.v

Aaron Ramsey 7.5: mi devo mettere a contare quanti chilometri percorre questo gallese, risultando comunque brillante e lucido in ogni sua giocata. Il ragazzo è definitivamente entrato nei meccanismi di questa squadra.

Jack Wilshere 6.0: decisamente meglio rispetto al match di sabato pomeriggio, avanti così.

Lukas Podolski 6.0: entra a quindici dalla fine e prova a risulatare decisivo, la voglia non gli manca mai.

Theo Walcott 6.0: gli manca brillantezza, e questo manca tantissimo all’Arsenal, ma potrebbe crescere da qui al termine della stagione.

Alex Oxlade-Chamberlain 6.0: piace, e molto. Sembrava che Wenger l’avesse tolto dalle rotazioni, invece ora è chiamato in causa e lui risponde presente.

Mikel Arteta 6.5: partita di grande sacrificio in un centrocampo dove stasera servivano i guerrieri, e lui a fare il guerriero non si tira indietro mai.

Santi Cazorla 6.5: non ha fatto la partita eccezionale dal punto di vista tecnico, anche se certe giocate fanno sempre innamorare, ma agonisticamente è stato decisivo come non mai.

Olivier Giroud 6.0: che stasera avrebbe avuto problemi lo si sapeva, con quei lungagnoni dei Toffees non è mai facile andare a fare sportellate, ma lui esce a testa alta, come sempre.

Arsène Wenger 7.0: partita perfetta sotto il punto di vista della preparazione, ha portato i ragazzi ad entrare in campo consapevoli di cosa avrebbero trovato.

Pagelle: Arsenal v Norwich 3-1

Lukas Fabiansky 7.0: la sua partita è racchiusa in quell’intervento a pochi istanti dal termine, che vale una stagione intera.

Bacary Sagna 6.5: ci mette tanto di suo nel goal del vantaggio Norwich, ma nella prima frazione mette in mezzo un buon quantitativo di palloni.

Alex Oxlade-Chamberlain 7.0: entra e cambia la partita, con un’azione fantastica che determinerà il risultato finale.

Laurent Koscielny 7.0: continua nella serie di partite perfette.

Thomas Vermaelen 6.5:oggi insieme a Laurant non lascia un solo centimetro agli avversari.

Kieran Gibbs 6.0: era al rientro dal primo minuto. Nella prima frazione è stato timido, nel finale del match c’ha messo grinta.

Aaron Ramsey 7.5: il migliore in campo, perché gioca un grande primo tempo, perché si prende le responsabilità, perché chiude da terzino destro.

Jack Wilshere 6.0: non è stato il vero Jack Wilshere, ma questo era nel preventivo.

Theo Walcott 6.5: serve a Podolski la palla del 3-1.

Mikel Arteta 7.0: va sul dischetto a calciare un pallone che definirlo pesante è vermanete poco. Lo trasforma e con lui trasforma tutto l’Arsenal.

Santi Cazorla 6.0: non gioca la sua migliore partita, la seconda consecutiva sottotono, però non smette mai di lottare.

Gervinho 6.0: buon primo tempo, dimostrando discreta condizione atletica.

Lukas Podolski 6.5: chiude il match con un bellissimo goal.

Olivier Giroud 7.5: migliore in campo al pari di Ramsey, perché si procura il rigore del pareggio, perché mette dentro la palla del 2-1, perché confezziona per Walcott la sponda che poi manda in goal Podolski.

Arsène Wenger 7.0: terzo in classifica, aspettando il recupero con l’Everton.

Pagelle: Bayern Monaco v Arsenal

Lukas Fabiansky 7.5: un match perfetto, dopo mesi di inattività. Sicuro, preciso, mai un momento di difficoltà.

Carl Jenkinson 7.5: l’azione in cui si prende gioco di Robben vale l’intera partita. Un mostro di fisicità unito a grinta e detrminazione che ne hanno fatto uno dei migliori della serata.

Per Mertesacker 7.0: dalle sue parti non è passato nessuno, risultando attento e preciso come nella stragrande maggiornaza delle partite disputate in questa stagione.

Laurent Koscielny 8.0: quando gioca così è uno dei migliori centrali dell’intero pianeta. Mette a referto il goal della speranza. Un gigante.

Kieran Gibbs 7.0: dico solo una cosa: l’avessimo avuto nella gara d’andata oggi discuteremo su chi avremmo potuto pescare nel sorteggio di domani.

Tomas Rosicky 6.5: fa a botte, e questo di lui m’è sempre piaciuto, mette in campo classe e visione di gioco, ma questo, di lui, l’abbiamo sempre saputo. Sarà utilissimo nelle restanti dieci di campionato.

Aaron Ramsey 7.0: confermo che il suo ruolo è sempre più importante nelle dinamiche del gioco della squadra.

Mikel Arteta 6.5: fa il capitano in tutti i novantatre minuti di gioco, giocando la sua solita partita di cuore e precisione.

Santi Cazorla 5.5: non gioca la sua miglior partita, nonostante metta in campo coraggio e voglia. Di lui sono mancate quelle accelerazioni che avrebbero potuto permetterci altro.

Theo Walcott 5.5: il solo assist a Giroud non gli vale sufficienza, perché alla fine della serata si contano diversi palloni persi e la mancanza di aver saltato nell’uno contro uomo il suo diretto avversario. L’impergno, però, non è mancato.

Olivier Giroud 6.5: mette in fondo al sacco il pallone che cambia la partita, poi ci mette tutto se stesso e a volte qualcosa di più.

Gervinho 6.0: entra e diventa subito un fattore. Quel pallone uscito di un niente è ancora negli occhi di tutti noi.

Alex Oxlade-Chamberlain 6.0: forse un suo ingresso preventivo avrebbe potuto esserci più utile.

Arsène Wenger 7.5: Ha un merito enorme: aver fatto credere ai ragazzi che l’impresa era possibile, e quasi ci riusciva.

Pagelle: Arsenal v Liverpool 2-2

Wojciech Szczesny 7.0: la parata al minuto 93′ vale molto più che il punto conquistato. Sui due goal può obbiettivamente poco.

Bacary Sagna 6.0: sufficienza stiracchiata per il numero di chilometri fatti, ma da una sua scivolata nasce l’azione che porta in vantaggio il Liverpool.

Per Mertesacker 5.5: decisamente calato rispetto all’inizio di stagione, sia sul passo che sulla posizione. A breve mi sa che rivedremo Koscielny.

Thomas Vermaelen 6.5: lui è ormai una sicurezza costante.

Kieran Gibbs sv: dalle immagini non si dovrebbe trattare di nulla di serio, questa è la nostra più sincera speranza.

Andre Santos 6.0: entra quando il match è da recuperare e questo gli consente di trovarsi più a spingere che a difendere, situazione in cui Andre si trova decisamente meglio, e lo fa vedere.

Aaron Ramsey 7.5: continua a disputare match di enorme livello tattico, facendo fare ad altri quello che in molti pensavamo potesse fare lui e facendo cose che mai avremmo pensato potesse fare. Allo stato attuale il centrocampo dell’Arsenal così si dovrebbe comporre: Arteta – Ramsey – Wilshere.

Jack Wilshere 7.0: E’ un autentico trascinatore, leader, l’uomo che ogni squadra di calcio dovrebbe avere in campo.

Santi Cazorla 5.0: niente da fare, l’omino che tanto aveva fatto impazzire le difese avversarie non c’è più. Lui ci mette una grinta che è impagabile, ma è innegabile che al momento si giochi con un uomo in meno. Qualche settimana di riposo e sono convinto che l’avremo nuovamente ad alti livelli.

Theo Walcott 8.0: devastante! Nel primo tempo è lui che si incarica di recuperare il risultato, nella ripresa entra in campo inviperito, e nei primi venti minuti quelli del Liverpool non lo prendono mai. Ah …ha segnato ancora.

Lukas Podolski 6.5: meno brillante del solito, ma con quel mancino è sempre capace di inventare qualunque cosa.

Olivier Giroud 7.5: un goal, un assist e tanti pericoli fatti vivere alla difesa (forte) dei Reds. Oggi è uno di quei giocatori che quando tocca la palla ti fa pensare che nascerà qualcosa di importante. Grande Olivier!

Arsène Wenger 6.5: recupera una partita che in pochi avrebbero recuperato, credendo fortemente nell’undici iniziale.

Pagelle: Brighton v Arsenal 2-3

Wojciech Szczesny 6.5: nel primo tempo compie una parata da autentico campione. Sui goal può poco.

Carl Jenkinson 6.0: sufficienza stiracchiata per non aver commesso grossi errori, ma al tempo stesso avrebbe potuto spingere di più.

Per Mertesacker 5.5: sulle palle alte hanno sempre la meglio quelli del Brighton, e sull’1-1 la dormita è di quelle che si pagano care.

Laurent Koscielny 5.5: vedi sopra.

Andre Santos 4.0: a sto ragazzo voglio bene, e quando Arsenal.com posta le fotografie degli allenamenti è uno di quelli che ha sempre il sorriso sulle labbra. Però su quella fascia non si può veramente vedere, gli altri lo capiscono subito e ci fanno sempre male.

Kieran Gibbs 6.0: lui entra a dieci dalla fine e fa capire cos’è un terzino sinistro.

Abou Diaby 6.5: bene, molto bene. Gioca tutta la gara mettendoci grinta e senso della posizione. E’ indietro con la condizione, ma saprà, speriamo, crescere.

Aaron Ramsey 7.0: allora, per Aaron il discorso sarebbe bello lungo, in queste poche righe dico che in quella posizione non perde più palloni, sa gestire i tempi e sembra aver trovato un’altra dimensione. Da continuare a seguire.

Tomas Rosicky 7.0: una delle più belle notizie di giornate. Gioca dopo non mi ricordo quanto e offre una prestazione tutta pepe e classe. Da lui nasce il contropiede dell’1-0, con un’azione palla al piede di cinquanta metri. Welcome back Tomas!

Jack Wilshere 6.5: pochi minuti per dimostrare che lui c’è sempre, soprattutto con la testa.

Alex Oxlade-Chamberlain 5.5: forse l’unica nota negativa del reparto offensivo. Deve ancora crescere.

Theo Walcott 7.0: oh! c’è poco da fare, lui continua a fare goal, il diciassettesimo stagionale, quello che vale gli ottavi di finale di Fa Cup.

Lukas Podolski 6.0: decisamente inferiore al match contro gli Hammers, il motivo è l’aver avuto Santos e non Gibbs, mi sembra evidente.

Olivier Giroud 8.5: Chapeau, semplicemente chapeau!!

Arsène Wenger 7.0: opta per un robusto turn-over, e alla fine il risultato gli da ragione. Avanti così.

Pagelle: Arsenal v West Ham 5-1

RATINGS: ARSENAL 5-1 WEST HAM

Wojciech Szczesny sv: avrà patito seriamente il freddo di Londra, assistendo al totale dominio dei suoi compagni. Sul goal Hammers non vede partire il tiro Tomkins.

Bacary Sagna 6.5: l’avevo visto fuori da questo match, Wenger invece lo ripropone e ancora una volta ha avuto ragione lui. Decisamente meglio rispetto alle ultime uscite.

Per Mertesacker 6.0: per la coppia di centrali è stata una serata senza grossi problemi, trascorsa a dare manforte al pacchetto di centrocampo.

Thomas Vermaelen 6.0: come sopra, con la conferma di avere ritrovato uno dei migliori difensori d’Europa.

Laurent Koscielny sv: offre minuti di riposo al capitano.

Kieran Gibbs 7.0: già lo scorso anno sostenevo che questo ragazzo, senza infortuni, sarebbe in breve diventato il miglior terzino sinistro d’Inghilterra. Oggi lo è!

Theo Walcott 7.5: indovinate un po’? Segna ancora (e sono 10 in Premier), offre a Giroud il pallone del sorpasso e della convinzione di vincere la partita (e sempre in Premier sono 9 assist). Poi qualcuno si domanda ancora perché Theo sarà il nostro futuro.

Santi Cazorla 6.0: il goal meriterebbe 8, perché è davvero una perla di rara bellezza, ma lui stenta ancora, e molto. Nel primo tempo, credo causa una condizione fisica approssimativa, non esce mai dalla sua zona per aiutare a centrocampo, e la squadra, a tratti, ne soffre. Nella ripresa un filo meglio, ma è ancora distante anni luce dal Santino visto in azione nei primi mesi. Sono certo che tornerà.

Jack Wilshere 7.0: lui ormai ha inserito il pilota automatico, e non c’è prestazione che meriti almeno un 7 in pagella.

Aaron Ramsey 7.0: lui invece ha il merito di calarsi in un ruolo non propriamente suo, e lo fa con abnegazione e senso di appartenenza. Detta i tempi del centrocampo senza strafare, offrendo sicurezza e solidità.

Lukas Podolski 9.0: è la scossa che elettrizza tutto l’Emirates. Una prova a dir poco devastante, condita da una meraviglia di goal e da tre assist che mandano in goal tre nostri giocatori diversi. Il Bayern Monaco è quasi alle porte, e lui è pronto come non mai.

Andre Santos sv: entra per la standing ovation al tedesco.

Olivier Giroud 7.0: seconda partita consecutiva dove mi è davvero piaciuto. Stavolta difende palla, consente alla squadra di risalire, segna anche due goal di pregevole fattura e dialoga con i compagni con triangolazioni di grande caratura tecnica.

Oxlade-Chamberlain sv: ha pochi minuti disponibili, nei quali cerca senza fortuna il goal.

Arsène Wenger 7.0: va a meno quattro punti dalla sua zona di competenza.

Pagelle: Chelsea v Arsenal 2-1

Wojciech Szczesny 6.0: sul rigore ha la colpa di trovarsi di fronte un arbitro che fischia una scivolata. Nella ripresa salva un paio di volte, e sempre su azioni di contropiede.

Bacary Sagna 5.5: gli do l’insufficienza perché il primo tempo è davvero brutto, e nella ripresa sbaglia più volte il cross.

Per Mertesacker 6.0: alla fine Torres non lo impegna mai. In area Blues ha la palla giusta, ma Cech gli dice di no.

Thomas Vermaelen 7.5: è definitivamente tornato. Grandissima gara, sempre in tempo su ogni intervento, sempre lucido in ogni rilancio. Salva sulla linea il contropiede di Demba Ba, con un’autentica parata.

Kieran Gibbs 7.0: nella ripresa si prefigge di diventare la spina che si conficcherà sull’out destro del Chelsea, e la sua spinta consente alla squadra di essere sempre pericolosa.

Francis Coquelin 7.0: c’ha messo di tutto, per quasi un’ora. Grinta, determinazione, voglia, anche la capacità di leggere le parole di Jack quando chiedeva pressione a centrocampo.

Aaron Ramsey 6.0: entra e non demerita, dimostrando concentrazione.

Abou Diaby 6.5: più lento nei movimenti di Coq e Jack, e questo ci fa soffrire per un quarto d’ora dopo aver subito il 2-0. Cresce nella ripresa, così come tutta la squadra.

Andrey Arshavin sv.

Jack Wilshere 7.5: lui l’infortunio sembra non averlo mai avuto, un giorno mi metterò a contare quante botte prende e quante ne da. Poi esce la tecnica a la capacità di fare football, e l’Arsenal ne trae vantaggio. E’ il primo a crederci, è l’ultimo a mollare.

Santi Cazorla 6.0: come nella partita con lo Swansea, dove il secondo tempo è stato decisamente migliore del primo. Io a sinistra non ce lo vedo proprio.

Theo Walcott 7.0: lui continua a segnare. Dopo tre minuti mette Giroud nella condizione di portarci in vantaggio, poi latita un po’, ma è sempre da lui che nascono le azioni migliori. Nel secondo tempo riapre la partita.

Olivier Giroud 6.0: avesse anche le capacità di un cecchino sarebbe perfetto. Manca l1-0, di un niente, poi tanto sacrificio, qualche buona giocata, e tanta determinazione.

Arsène Wenger: il voto non glielo posso dare, perdere così non ha un giudizio.

Pagelle: Arsenal v City 0-2

Wojciech Szczesny 6.5: para il rigore di Dzeko, non può nulla sulle conclusioni di Milner e sulla ribattutta dello stesso attaccante bosniaco dopo la conclusione di Tevez. Nella ripresa si esalta ancora sull’argentino sventando il contropiede del 3-0.

Bacary Sagna 5.5: malino nel primo tempo, dove fatica e non poco a trovare il giusto passo. Cresce nella ripresa, chiudendo con grinta e orgoglio.

Laurent Koscielny 5.0: difficile valutarlo dopo soli dieci minuti di gara, sta di fatto che l’espulsione cancella quel goal a tempo scaduto della gara di andata.

Thomas Vermaelen 5.0: c’era anche lui nell’azione che c’ha visto rimanere in dieci, e forse, quel simpaticone di Dean, avrebbe potuto tenerne conto. Sulla rete di Milner è lui che lascia il buco, consentendo al centrocampista inglese di trovarsi solo in area di rigore.

Kieran Gibbs 6.0: il meno peggio del reparto arretrato, forte di una grande condizione atletica e di quelle incursioni di cui avremmo necessariamente bisogno da qui alla fine.

Alex Oxlade-Chamberlain sv.

Per Mertesacker 6.0: alla fine è stato il centrale che ha risolto più situazioni difficili, disputando un match sufficiente.

Santi Cazorla 5.0: non lo si è mai visto, né a centrocampo a dare manforte né in attacco a creare. E’ calato molto dopo un inizio a dir poco esaltante.

Jack Wilshere 7.0: se conto le botte che ha preso e quelle che ha dato, se conto i chilometri che ha fatto e la voglia che ha messo, non posso far altro che eleggerlo migliore in campo dei nostri. Ancora una volta capitano con la “C” maiuscola.

Abou Diaby 6.5: è stata la sorpresa della giornata, rivederlo in campo dopo oltre tre mesi di assenza. Lui c’ha messo davvero tutto, e se non siamo andati sotto nella zona di centrocampo i meriti vanno indubbiamente anche a lui.

Aaron Ramsey 6.0: m’è piaciuto, c’ha messo grinta e coraggio, ha provato a dare il suo apporto in un momento che definirlo complicato non rende bene l’idea.

Theo Walcott 6.0: ha ricevuto pochi palloni, e di conseguenza poco è riuscito a concludere. Nella ripresa, e con l’Arsenal che aveva abbandonato ogni schema, è stato più incisivo. Quella conclusione a botta sicura che stava terminando in fondo alla rete e respinta sulla linea di porta da Joleon Lescott avrebbe potuto regalarci ancora dieci minuti di speranza.

Lukas Podolski 6.0: lui la sufficienza se la merita per l’agonismo che ha messo in campo dopo essere rimasti in dieci, non mollando mai e correndo per lui e per chi non c’era più.

Olivier Giroud 6.0: ha provato a dare una sferzata alla gara, combattendo sui palloni alti e mettendosi al servizio dei compagni. Per abnegazione una prova sicuramente positiva.

Arsène Wenger 6.0: gli do la sufficienza più per provocazione che per altro. Le critiche lette in queste ore sulle sue scelte mi fanno sorridere. Doveva mettere, non doveva mettere. Si trova senza Arteta a poche ore dal match e decide che sarà Diaby a rimpiazzarlo. Diaby ha giocato male? Diaby non era in grado? Riguardarsi il match e poi, forse, aprire bocca. Inserisce i due centrali difensivi che nelle ultime settimane gli avevano offerto più garanzie (vogliamo ricordare Mertesacker nel match di FA Cup contro lo Swansea?), solo che il fato, e Mike Dean, decide che non sarà una gran bella giornata, e lui la subisce in pieno. L’Arsenal visto nel secondo tempo è tutto merito suo, perché quella determinazione te la può dare solo uno che ci crede fino in fondo. In Arsène I trust!!